30 Aprile 2020

Ipotesi riapertura di alcune o tutte le attività produttive

Circolare CV n. 24 del 08 Aprile 2020

Gent. Clienti Milano 08 Aprile 2020

Ipotesi riapertura attività produttive

Siamo in attesa dei decreti di aprile che benché annunciati sia da Conte che dagli organi di stampa (TV) come qualcosa di già realizzato, al momento non c’è nulla di definito, salvo improbabili indiscrezioni su ipotetiche bozza di decreto che devono essere confermati.

In questo momento ci preme informarvi principalmente sulla riapertura delle imprese, che se fosse fissata per qualcuno già da martedì 14 aprile, col ponte lungo di Pasqua, richiede un minimo di preavviso e di organizzazione per farsi trovare pronti.

Riapertura attività produttive

A Roma si parla di una riapertura parcellizzata già da metà Aprile, (prevale la gradualità e la cautela) per poi estenderla a inizio Maggio.

Si presume che le prime attività ripartire siano quelle della meccanica dell’edilizia e del commercio all’ingrosso .

Più probabile che si riparta con criteri legati ai codici ATECO con particolare riguardo alle filiere strategiche quali alimentare farmaceutico e sanitario .

Il messaggio della nostra comunicazione odierna è di non farsi trovare impreparati : le regole al momento non sono cambiate: distanziamento sociale, obbligo di mascherina e protocollo di sicurezza.

Si vocifera di introduzioni di screening rapidi per la valutazione dei contagi delle immunità dei dipendenti, ma al momento nulla di tutto ciò è realistico e quindi si fa riferimento al protocollo condiviso dello scorso 14 marzo 2020.

In attesa di conoscere il calendario delle riaperture Vi suggeriamo comunque di essere pronti ad organizzarVi per tempo e di :

rivedere le vostre procedure per la riapertura incluso la misurazione della temperatura (nel protocollo facoltativa) dotandovi di strumenti misuratori a distanza

eventuali interventi mirati da valutare in collaborazione fra responsabile della sicurezza e rappresentanti sindacali dei lavoratori (non è obbligatorio ma è sempre un valido suggerimento)

Lo scopo è garantire la riapertura solo in presenza di garanzie per salute dei lavoratori.

E’ importante attivare procedure corrette e bene delineate atteso che con queste regole ci dovremo convivere per diverso tempo.

Sospensione dei versamenti del 16 aprile e del 16 maggio

Su questo fronte vi segnaliamo che anziché una sospensione generalizzata dei versamenti per tutti verrà attualità una sospensione mirata in caso di riduzione dei ricavi.

La sospensione dei versamenti del 16 aprile per iva e ritenute dovrebbe attuarsi a condizione che i ricavi di Marzo 2020 siano diminuiti di almeno il 33% in confronto ai ricavi di Marzo 2019.

Stesso meccanismo per il mese successivo: se i ricavi di Aprile 2020 sono il 33% in meno di Aprile 2019 scatta la sospensione dei versamenti per il 16 maggio :

Esempio: fatto 100 il fatturato di un mese del 2019 per avere la riduzione il fatturato dello stesso mese del 2020 deve essere minore di 67.

Non ci spingiamo oltre: meglio in questo caso attendere il testo del decreto prima di avanzare ipotesi.

Liquidità alle imprese

L’argomento è importante ma non c’è nulla di definito con decreti, garanzie, modulistica e operatività ancora tutti da realizzare e definire e Vi rinviamo alla nostra circolare n. 23 di ieri, non avendo significativi ulteriori elementi in merito.

Restiamo a Vostra disposizione per ogni eventualità.

Per maggiori informazioni consulta www.aiutoalleaziende.it

Cordialmente

Studio Giola Ascione